Come abbiamo già detto: acquistare sigari online non è possibile.

Ma questo sicuramente non ci vieta di riportarci un pò di buoni sigari, magari dopo un viaggio a cuba. 

L’importante è farlo conoscendo bene quali sono i limiti per evitare di ricorrere in sanzioni indesiderate ma soprattutto al sequestro della nostra amate merce. 

La prima cosa da sapere è che a differenza che per gli altri beni, per i tabacchi non è comunque consentito importare un quantitativo maggiore alla franchigia pagando i diritti doganali.

importare sigari dall'estero

Limiti importazione tabacco in Italia

Le sanzioni per chi contrabbanda tabacchi lavorati esteri fino a 10 chili  prevedono l’applicazione di una nuova sanzione amministrativa da 5000 a 50 mila euro. Nella norma previgente questa violazione veniva sanzionata penalmente con una multa di 5 euro per ogni grammo convenzionale di prodotto e comunque in misura non inferiore a 516 euro, con la possibilità di oblazione mediante il pagamento di una somma minima di 258 euro. La sanzione può essere ridotta ad un terzo nel caso di pagamento entro 60 giorni.

Limiti importazione tabacco da Paesi UE

Ogni paese dell’UE può stabilire una quantità massima di prodotti del tabacco e bevande alcoliche che puoi portare con te. Le quantità massime non possono essere inferiori a:

  • 800 sigarette
  • 400 sigaretti (sigari di peso massimo di 3 grammi al pezzo)
  • 200 sigari
  • 1 kg di tabacco

Limiti importazione tabacco da Paesi Extra UE

Devi rispettare un limite più o meno elevato a seconda del paese dell’UE che visiti. Se un paese applica i limiti minimi, può applicarli soltanto agli ingressi via terra e mare (Bulgaria, Grecia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Ungheria), oppure a tutti i viaggiatori (Estonia e Romania).

Limite massimo

Limite minimo

200 sigarette oppure

100 sigaretti oppure

50 sigari oppure

250 g di tabacco

40 sigarette oppure

20 sigaretti oppure

10 sigari oppure

50 g di tabacco

Acquistare Tabacco in Vaticano

Acquistare i prodotti del Tabacco in Vaticano è sempre stato conveniente ed è stato sempre oggetto di attenzione per i romani e anche per qualche turista occasionale. 

Da qualche mese tuttavia, a inizio 2018, Papa Francesco ha stabilito che la nuova filosofia del Vaticano sarà NO-SMOKING

Leggi l’articolo qui: Vaticano NO-Smoking

La regola iniziale di dismettere in toto la vendita delle sigarette e dei sigari è stata però mitigata, visto che si continueranno a trovare ancora i pregiatissimi sigari cubani, dai Cohiba, ai Montecristo e ad altre marche importate direttamente dall’isola caraibica.

 

tabacco da pipa Erinmore Mixture

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *