Cohiba Numero 1

(1 recensione del cliente)
Categorie , Tag

Prezzo cadauno

13,30

Condividi questa pagina:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Cohiba è uno dei marchi di sigari più famosi al mondo. Grazie all’embargo commerciale degli Stati Uniti con Cuba e al generale Cigar di appropriazione del marchio nel mercato statunitense, è anche un marchio circondato da molta confusione. Ci sono un numero sorprendente di persone là fuori compresi alcuni che si considerano “fumatori di sigari” che non riescono a capire che il famoso Cohiba, la versione cubana, in nessun modo o forma è correlata al Cohiba che è in vendita negli Stati Uniti. .

 

Descrizione

La questione diventa ancora più confusa quando porti nella conversazione l’altra compagnia che stava facendo i Cohibas dominicani. Credo che questa terza azienda si chiamasse “Cohiba Caribbean’s Finest Cigars”. Le fasce per sigari sulla versione del sigaro di questa compagnia somigliavano più da vicino alla famosa banda di sigari cubani, mentre la banda Cohiba di General Cigar era molto diversa. Il Cohiba del General è comunemente chiamato “Red Dot” a causa del punto rosso che riempie la lettera “O” in Cohiba sulle loro bande. Il generale Cigar ha citato in giudizio Cohiba Caribbean per il nome Cohiba e ha vinto. Ai Cohiba Caribbean è stato ordinato di interrompere le vendite e la produzione della loro versione del sigaro Cohiba. Per portare la storia alle proporzioni di Soap Opera, Cubatobacco, la società cubana che possiede l’originale e alcuni direbbero “reale”, il marchio Cohiba ha citato in giudizio General Cigar per il marchio e sta cercando di impedire ai tribunali di branding e vendere sigari con il Nome Cohiba. Quel seme è andato avanti e indietro per un po ‘e per quanto ne so è ancora in corso (aggiornamento: sembra che il generale Cigar abbia vinto la battaglia legale). Ciò a cui tutto questo dramma si riduce è … Il tuo “Punto rosso” domenicano Cohiba non ha nulla a che fare con il famoso marchio Cohiba. Capita solo di portare lo stesso nome. Oltre a questo il Cohiba domenicano probabilmente ha più in comune con un Macanudo.

Mi asterrò dal scavare più a fondo nelle origini di Cohiba, ma voglio prendere un momento per condividere alcune informazioni sulla linea Siglo, perché dopo tutto, alla fine, parlerò del sigaro che ho fumato che era un Siglo Cohiba I Lo terrei breve, principalmente perché so solo cosa mi dice Min Ron NEE nel suo libro, An Illustrated Encyclopedia of Havana Cigars post-rivoluzione. La serie Siglo fu introdotta nel 1992. Secondo MRN si ipotizza che la linea sia stata creata per riempire il vuoto lasciato dalla cessazione del marchio Davidoff. Tutta la linea Siglo è probabilmente più leggera del tuo Cohiba standard. C’è in realtà una nota in corsivo di MRN che dice che andando oltre la bozza del libro, il suo consulente cubano che stava lavorando con lui ha confermato che è vero che la linea è stata creata per colmare il vuoto lasciato da Davidoff. Posso dire che, sebbene più delicato di un Robusto Cohiba, il Siglo I non è un sigaro leggero. Non ho mai avuto il piacere di un Davidoff cubano, quindi non ho alcuna conoscenza personale di come i Siglos si confrontino con il sigaro che hanno sostituito nel catalogo Habanos. Il Siglo I arriva in confezioni di cartone da 5 o 10, in 3 confezioni di tubos, e in scatole di Slide Box protette da 25 sigari. Quello che fumo oggi era un regalo di un amico molto generoso, quindi non ho idea di quale tipo di imballaggio abbia trascorso la prima parte della sua vita in.

Iniziamo con l’apparenza. Il Siglo I è un très petit corona, o se ti piace usare i nomi ufficiali di fabbrica di Habanos, S.A. per i vitolas, allora lo chiameresti un perlas. Misura un diminutivo quattro pollici di lunghezza e un sottile anello di 40 anelli. L’involucro è un po ‘più scuro di quello che ho visto sulla linea Cohiba standard e questo esemplare ha una piccola macchia d’acqua sull’involucro. Ha un triplo cappuccio come tutti i parei cubani. Un aspetto un po ‘accidentato e rustico, sembra ben riempito e ha esibito un bel sorteggio prima di accenderlo. Con ansiosa attesa ho usato la tecnica “Three Match” per accendere questo sigaro. La tecnica è molto più facile su un sigaro più piccolo come questo che su un robusto più spessa o una lunga doppia corona. Qualche sbuffo e ho subito capito il mio errore. Ho deciso di accendere questo sigaro troppo presto. Ci sono stati momenti di durezza e un po ‘di erba che mi hanno detto che questo sigaro avrebbe potuto impiegare un po’ di tempo, probabilmente un anno o due almeno per stabilirsi. Si potrebbe sicuramente vedere il potenziale di questo sigaro per essere stellare. C’era una cremosità sottostante e forse alcune note di noci tostate accompagnate da un vago sentore di tè dolce. Quei sapori solo occasionalmente venivano fuori come i sapori più vegetali ed erbacei della gioventù dominavano il fumo. Vorrei davvero essere stato più paziente con questo. Penso che una volta che avrà la possibilità di sistemare questo sarebbe un ottimo fumo di medio corpo. La pazienza è d’obbligo, se vuoi scoprirlo.

Scrivi un Commento

Informazioni aggiuntive

Calibro ad Anello

Diametro

Durata

Tipo di Fabbricazione

Forza

Gusto

Lunghezza

Luogo di Fabbricazione

1 recensione per Cohiba Numero 1

  1. Giovanni

    Il Migliore in assoluto!!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cohiba Numero 1

Categorie , Tag
(1 recensione del cliente)

Cohiba è uno dei marchi di sigari più famosi al mondo. Grazie all’embargo commerciale degli Stati Uniti con Cuba e al generale Cigar di appropriazione del marchio nel mercato statunitense, è anche un marchio circondato da molta confusione. Ci sono un numero sorprendente di persone là fuori compresi alcuni che si considerano “fumatori di sigari” che non riescono a capire che il famoso Cohiba, la versione cubana, in nessun modo o forma è correlata al Cohiba che è in vendita negli Stati Uniti. .

 

Prezzo cadauno

13,30

Condividi questa pagina:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Descrizione

La questione diventa ancora più confusa quando porti nella conversazione l’altra compagnia che stava facendo i Cohibas dominicani. Credo che questa terza azienda si chiamasse “Cohiba Caribbean’s Finest Cigars”. Le fasce per sigari sulla versione del sigaro di questa compagnia somigliavano più da vicino alla famosa banda di sigari cubani, mentre la banda Cohiba di General Cigar era molto diversa. Il Cohiba del General è comunemente chiamato “Red Dot” a causa del punto rosso che riempie la lettera “O” in Cohiba sulle loro bande. Il generale Cigar ha citato in giudizio Cohiba Caribbean per il nome Cohiba e ha vinto. Ai Cohiba Caribbean è stato ordinato di interrompere le vendite e la produzione della loro versione del sigaro Cohiba. Per portare la storia alle proporzioni di Soap Opera, Cubatobacco, la società cubana che possiede l’originale e alcuni direbbero “reale”, il marchio Cohiba ha citato in giudizio General Cigar per il marchio e sta cercando di impedire ai tribunali di branding e vendere sigari con il Nome Cohiba. Quel seme è andato avanti e indietro per un po ‘e per quanto ne so è ancora in corso (aggiornamento: sembra che il generale Cigar abbia vinto la battaglia legale). Ciò a cui tutto questo dramma si riduce è … Il tuo “Punto rosso” domenicano Cohiba non ha nulla a che fare con il famoso marchio Cohiba. Capita solo di portare lo stesso nome. Oltre a questo il Cohiba domenicano probabilmente ha più in comune con un Macanudo.

Mi asterrò dal scavare più a fondo nelle origini di Cohiba, ma voglio prendere un momento per condividere alcune informazioni sulla linea Siglo, perché dopo tutto, alla fine, parlerò del sigaro che ho fumato che era un Siglo Cohiba I Lo terrei breve, principalmente perché so solo cosa mi dice Min Ron NEE nel suo libro, An Illustrated Encyclopedia of Havana Cigars post-rivoluzione. La serie Siglo fu introdotta nel 1992. Secondo MRN si ipotizza che la linea sia stata creata per riempire il vuoto lasciato dalla cessazione del marchio Davidoff. Tutta la linea Siglo è probabilmente più leggera del tuo Cohiba standard. C’è in realtà una nota in corsivo di MRN che dice che andando oltre la bozza del libro, il suo consulente cubano che stava lavorando con lui ha confermato che è vero che la linea è stata creata per colmare il vuoto lasciato da Davidoff. Posso dire che, sebbene più delicato di un Robusto Cohiba, il Siglo I non è un sigaro leggero. Non ho mai avuto il piacere di un Davidoff cubano, quindi non ho alcuna conoscenza personale di come i Siglos si confrontino con il sigaro che hanno sostituito nel catalogo Habanos. Il Siglo I arriva in confezioni di cartone da 5 o 10, in 3 confezioni di tubos, e in scatole di Slide Box protette da 25 sigari. Quello che fumo oggi era un regalo di un amico molto generoso, quindi non ho idea di quale tipo di imballaggio abbia trascorso la prima parte della sua vita in.

Iniziamo con l’apparenza. Il Siglo I è un très petit corona, o se ti piace usare i nomi ufficiali di fabbrica di Habanos, S.A. per i vitolas, allora lo chiameresti un perlas. Misura un diminutivo quattro pollici di lunghezza e un sottile anello di 40 anelli. L’involucro è un po ‘più scuro di quello che ho visto sulla linea Cohiba standard e questo esemplare ha una piccola macchia d’acqua sull’involucro. Ha un triplo cappuccio come tutti i parei cubani. Un aspetto un po ‘accidentato e rustico, sembra ben riempito e ha esibito un bel sorteggio prima di accenderlo. Con ansiosa attesa ho usato la tecnica “Three Match” per accendere questo sigaro. La tecnica è molto più facile su un sigaro più piccolo come questo che su un robusto più spessa o una lunga doppia corona. Qualche sbuffo e ho subito capito il mio errore. Ho deciso di accendere questo sigaro troppo presto. Ci sono stati momenti di durezza e un po ‘di erba che mi hanno detto che questo sigaro avrebbe potuto impiegare un po’ di tempo, probabilmente un anno o due almeno per stabilirsi. Si potrebbe sicuramente vedere il potenziale di questo sigaro per essere stellare. C’era una cremosità sottostante e forse alcune note di noci tostate accompagnate da un vago sentore di tè dolce. Quei sapori solo occasionalmente venivano fuori come i sapori più vegetali ed erbacei della gioventù dominavano il fumo. Vorrei davvero essere stato più paziente con questo. Penso che una volta che avrà la possibilità di sistemare questo sarebbe un ottimo fumo di medio corpo. La pazienza è d’obbligo, se vuoi scoprirlo.

Scrivi un Commento

Informazioni aggiuntive

Calibro ad Anello

Diametro

Durata

Tipo di Fabbricazione

Forza

Gusto

Lunghezza

Luogo di Fabbricazione

1 recensione per Cohiba Numero 1

  1. Giovanni

    Il Migliore in assoluto!!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *